sulla violenza

Di nuovo allo specchio.

Questa volta, la superficie non mi restituisce solo quello che voglio io, ma vi è riflessa la realtà. Mi guardo: cos’ è che mi ha resa così?

La parola violenza è spaventosa. Soprattutto quando capisco di sapere soltanto per metà cosa voglia dire davvero. Quando penso alla violenza fisica le cose sono chiare. Ma quando la violenza condiziona, lascia tracce invisibili, sfuggenti… quando insomma la violenza è psicologica?

Mi guardo allo specchio e mi rendo conto che è di questo che si tratta.

Ci sono cicatrici che vedo soltanto io, afasie sinora inspiegabili anche a me stessa.

Comprendere il lato apparentemente invisibile della violenza, disinnescarlo, stanarne i meccanismi. Imparare a difendersi dagli altri, e forse anche da me stessa.

Annunci

5 thoughts on “sulla violenza

      1. E, se non bastasse, capita anche che chi viene preso di mira in questo modo venga colpevolizzato perché non sa reagire o, all’opposto, perché se la prende troppo per qualcosa che “non esiste”.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...